Rendere visibile il mondo: le Mappe di Carucci e Giuffrida

Le Mappe di Lucilla Carucci e Tano Giuffrida saranno esposte presso Libri Liberi, a via San Gallo 25/r a Firenze dal 24 febbraio 2017 al 9 marzo. Questo è il mio testo di presentazione della mostra.

Per chi ha vissuto buona parte della propria esistenza ben ancorato alle vicende e alle conoscenze del secolo scorso, la parola mappa evoca avventure alla ricerca di tesori, paesaggi sconosciuti e straordinari da visitare, carte geografiche di paesi lontani verso i quali è soprattutto l’immaginazione a muoversi. Per tutti costoro, aprire un atlante è stata sempre un’azione emotivamente intensa, resa appena meno suggestiva, negli ultimi anni, dalla semplificazione negli spostamenti e nella percezione di territori e distanze prodotta da google maps, dai voli low cost e dall’idea di avere il mondo a portata di mano. Tanto per dare un’idea, google hearth per android assicura che l’istallazione dell’applicazione consentirà di esplorare il globo scorrendo con un dito, di sorvolare il pianeta e di volare in 3D su città come New York e Parigi.

Opera di Lucilla Carucci esposta nella mostra a Libri Liberi.

O anche, perchè no, sulle città indiane, un tempo animate da fiorenti attività coloniali. Goa ad esempio. A Goa, la Dourada, fu Guido Gozzano nel suo viaggio in India intrapreso nel 1912 alla ricerca, tra l’altro, di un’impossibile salvezza dalla tubercolosi che ne minava il fisico. Gozzano nello straordinario resoconto di quell’esperienza che è Verso la cuna del mondo, ricorda di avere già visitato la città “cento volte con la matita, durante le interminabili lezioni di matematica, con l’atlante aperto tra il banco e le ginocchia: ora passando attraverso l’istmo di Suez e il Mar Rosso, l’Oceano Indiano, ora circumnavigando l’Africa su un veliero che toccava le Isole di Capo Verde, il Capo di Buona Speranza, Madagascar”. A distanza di un po’ di anni, mentre è su “una caravella panciuta, lunga trenta metri, alla quale è stata senza dubbio aggiunta la prima caldaia a vapore che sia stata inventata”, a Gozzano sembra che il viaggio di una volta sull’atlante sia “la realtà viva” e “pallida fantasia questo cielo e questo mare”. Il poeta de La via del rifugio arriva alla conclusione che “termina oggi il viaggio intrapreso a matita sull’atlante di vent’anni or sono”.

Una matita simile, con la quale tracciare linee che permettano di visitare luoghi e di ricrearli, la stessa con la quale fantasticavano sugli atlanti della loro fanciullezza, è ancora tra le mani di Lucilla Carucci e Tano Giuffrida, che non hanno smesso di viaggiare accompagnati dalle figure e dai paesaggi che i segni e i sogni producono. Con impareggiabile sapienza e con costante pazienza, hanno continuato a credere che il mondo vero, “la realtà viva”, fosse innanzitutto quello vissuto e visitato con l’atlante poggiato sulle ginocchia, e dunque non hanno smesso di costruirlo, il mondo, e di ricostruirlo, segnandone i confini, modellandone i paesaggi.

I due artisti, non nuovi a imprese in comune, lei fedele alla materialità cedevole dei tessuti, lui sempre alle prese con una ricerca che gli consenta ancora di meravigliarsi di quello che vede intorno, ci affidano ora le loro Mappe, ci mettono al corrente di una loro privata geografia, per dirci come sono fatti i luoghi che abitiamo e quelli che soltanto immaginiamo, per renderli, in qualche modo, finalmente visibili. Ci propongono di guardare il mondo da un diverso punto di vista, di alzarci, insieme a loro, a una visione dall’alto, tale da consentire una prospettiva inusuale, apparentemente oggettiva, idonea ad offrire una visione piatta e razionale dei territori, in fondo invece capace di penetrare nelle profondità dei paesaggi.

Una Mappa di Tano Giuffrida

Visti da quella zona alta e inconsistente, i luoghi hanno una loro superiore eleganza, sembrano contrapporre la grazia geometrica dell’esattezza, la composta essenzialità della squadratura, all’inesauribile scompiglio di cui è sempre vittima il reale. Le opere di Lucilla Carucci e Tano Giuffrida, sia pure in maniera diversa, ci lasciano intravedere paesaggi da cui si vorrebbero scomparse la confusione generata dai dettagli e l’incostanza delle differenze. Proprio a partire da quel luogo di osservazione, da quello spazio esterno e aereo nel quale non è possibile abitare, il viaggio diventa realizzabile e i confini possono essere cancellati. L’azione stessa del partire, si direbbe, è interamente già presente nella visione. Ed è proprio da quel luogo paradossalmente che possiamo rendere visibile il mondo, comprenderne le increspature, segnalare i dettagli, spingere chi guarda con noi, chi è davanti alla nostra mappa, a immaginare i particolari e reinterpretare i luoghi, mettendo a fuoco fino al più esile filo d’erba.Concentrati a tracciare con la matita, sull’atlante che conservano sulle ginocchia, i propri percorsi umani ed esistenziali, Lucilla e Tano, entrambi fiorentini d’adozione, la prima originaria di Camerino, l’altro di Catania, luoghi entrambi di incancellabile caratterizzazione culturale, ci consegnano un mondo la cui partitura, innanzitutto cromatica e musicale, ci porta dentro noi stessi, quasi a volerci far considerare come l’analisi di ogni mappa non possa che condurre a una soluzione, e dunque a un tragitto utilmente percorribile, se non si è disposti a guardare anche alle nostre regioni interiori.

Ogni mappa è un testo da decifrare, a volte da scompaginare e riadattare, un tessuto i cui fili sembrano scomparire nell’ordito, ma che sono lì a spiegare la trama del percorso, a rendere possibile il racconto. Sanno bene tutto questo Lucilla Carucci e Tano Giuffrida, sanno che la realtà per essere compresa, un paesaggio per essere veramente descritto, vanno rimescolati, tagliati, spezzettati e ricomposti.

E’ il compito della scienza cartografica ed è da sempre il compito di ogni artista.

615 Total Views 3 Views Today

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *