Please follow & like us :)

Nota di presentazione al premio PontedilegnoPoesia 2014

di Maria Luisa Ardizzone

 

La raccolta di Giuseppe Grattacaso La vita dei bicchieri e delle stelle propone una poesia dove un senso cosmico dell’esistere si coniuga in modi innovativi con una quotidianità pronunciata attraverso i gesti e gli oggetti. L’alto e il basso in questa scrittura appaiono convivere; il tentativo sembra quello di eliminare la distinzione tra quelle dimensioni, dando vita a una terza che le contiene entrambe. La domanda da cui Grattacaso sembra prendere le mosse parte da molto lontano, è celebre: c’è un basso e un alto nell’Universo? In un linguaggio controllato e di spessore il poeta trasmette la sua idea facendo leva su contiguità linguistiche tendenzialmente inedite, su una aggettivazione sapientemente concertata e dove nulla è lasciato al caso. La sua poesia non formula risposte teoriche, ma percorsi sintattico-linguistici attraverso cui il lettore si avvia verso una consapevolezza guadagnata a specchio del testo. L’esercizio di lettura infatti produce stati fisico-mentali, ci fa sentire parte del cosmo così come ci fa avvertire la misteriosa continuità che vive tra le cose più diverse. E’ una poesia questa che apre e trasmette un universo di relazioni, di continuità inedite, percezioni non ancora identificate che tuttavia ci appartengono, ci raccontano e, misteriosamente, ci coinvolgono.

PontedilegnoPoesia. agosto 2014


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • 0
  • 30
  • 24
  • 186
  • 515
  • 1.980
  • 305
  • 46