Please follow & like us :)

Poesia alla fine del 2020

La poesia che segue è stata scritta in questi giorni. Vuole essere un commiato all’anno trascorso, l’augurio di essere in una zona di confine (e non di confinamento) con la mente ancora disposta all’attesa. Al termine dei versi l’audio della mia lettura.

Ricominciare dal tempo dell’attesa,
non tarda sospensione in zona blanda
e ammalata, ricovero all’offesa
del contagio, rafferma lontananza,
ma in equilibrio sul filo di frontiera
riavvicinarsi al mondo, confidare
nell’assetto diverso e lì sostare
ad un passo dal varco immacolato,
nel lucido confondersi dell’onda
sulla battigia, l’incompiuto disegno
del volo della nuvola che va
e non potrà arrivare. Ritornare
a quello che ancora non si sa,
l’incontro rimandato e conservato,
lo sguardo nella foto che è impegnato
a sostenere il vento, il tuo saluto
rimasto imprecisato nella mano.

 

 

 

5 risposte a “Poesia alla fine del 2020”

  1. Marisa Brecciaroli

    Magnifico, tutto, è il tuo poetare, ma ciò che, nel suo libero andare,mi resta nella mente del cuore, è “l’incompiuto disegno/del volo della nuvola che va/e non potrà arrivare”. Magnifica anche la capacità del Sign.te (i continui enjambements) di semantizzare almeno ‘uno’ dei significati, ‘profondamente’ resi ‘impliciti’ :il desiderio di “abbracci” per avvicinarsi ad…abbracciare il ‘mondo’, ora che il mondo sembra sfuggirci.
    Ed anche questa ‘sfuggenza’ è ‘incarnata’ dagli enjambements!
    Che altro dire, se non che tutto questo è Poesia …vera!!? 👏🙏👍

    Grazie, 🙏 caro Giuseppe, col mio lontano-sfuggente (ma partito dal cuore)…ABBRACCIO 🤗 🍀👱‍♀️

Rispondi a Marisa Brecciaroli Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *