Please follow & like us :)

La vita dei bicchieri e delle stelle vince il Pontedilegno Poesia

Con La vita dei bicchieri e delle stelle ho vinto il premio Pontedilegno Poesia. La giuria, presieduta da Marisa Brecciaroli, e composta da Maria Luisa Ardizzone, Vincenzo Guarracino e Giuseppe Langella (assente Giarcarlo Pontiggia, per motivi personali) ha attribuito il secondo posto ad Alessandro Quattrone con Prove di lontananza (Book editore), mentre al terzo posto si è qualificato Mario Santagostini, autore di Felicità senza soggetto (Mondadori).  

Mario Santagostini, Giuseppe Grattacaso e Alessandro Quattrone
Mario Santagostini, Giuseppe Grattacaso e Alessandro Quattrone

Giunto alla quinta edizione, il Pontedilegno Poesia vanta un albo dei vincitore di assoluto rilievo. Negli anni precedenti il premio è stato vinto da Franco Loi, Milo De Angelis, Franca Grisoni, Maurizio Cucchi.

Nella motivazione del premio si legge che La vita dei bicchieri e delle stelle “propone un’opera in cui una gradevole leggibilità si sposa profondamente con una rara ricchezza formale, con una costante musicalità e con una mirabile densità poetica”. Il libro presenta  una “scrittura estremamente attuale e al tempo stesso vitalmente innestata nella grande tradizione letteraria italiana”.

Maria Luisa Ardizzone, docente di letteratura italiana nel Dipartimento di Italian Studies della New York University,  nella nota critica con cui è stata presentata l’opera al pubblico del Pontedilegno Poesia scrive: “In un linguaggio controllato e di spessore il poeta trasmette la sua idea facendo leva su contiguità linguistiche tendenzialmente inedite, su una aggettivazione sapientemente concertata e dove nulla è lasciato al caso. La sua poesia non formula risposte teoriche, ma percorsi sintattico-linguistici attraverso cui il lettore si avvia verso una consapevolezza guadagnata a specchio del testo. L’esercizio di lettura infatti produce stati fisico-mentali, ci fa sentire parte del cosmo così come ci fa avvertire la misteriosa continuità che vive tra le cose più diverse. E’ una poesia questa che apre e trasmette un universo di relazioni, di continuità inedite, percezioni non ancora identificate che tuttavia ci appartengono, ci raccontano e, misteriosamente, ci coinvolgono”.

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *