Please follow & like us :)

Febo Conti, fine di un’epoca

E’ morto Febo Conti. Per molti è una notizia priva di significato, a me sembra sia finita un’epoca. La televisione era in bianco e nero, ai ragazzi era destinata la fascia oraria pomeridiana (un paio d’ore e non tutto il giorno: la Tv dei ragazzi, appunto), la parola telefono corrispondeva ad un apparecchio a muro, immancabilmente nero, ad altezza di adulto, la cui linea spesso veniva divisa con il condomino del piano di sotto. Erano tempi insomma di duplex e di poche telefonate, spesso precedute da richieste accorate perché venisse resa libera la linea. Esistevano ancora le macchine da cucire e quelle da scrivere, in cui il suono di un campanellino ricordava che bisognava andare a capo azionando l’apposita levetta. Il latte si comprava in latteria, restituendo una bottiglia (di vetro) vuota in cambio di quella piena.
Febo Conti diventò familiare nelle case degli anni Sessanta, perché presentava il programma Chissà chi lo sa?. Due squadre di ragazzi si confrontavano in una gara. Non cantavano canzoni imitando gli adulti, non ballavano, non raccontavano barzellette né confessavano i fatti propri, non erano futuri calciatori. Erano ragazzi come tanti altri, che rispondevano a domande alla loro portata, dimostrando soltanto di essere andati a scuola la mattina e di avere un po’ di intuito.
Febo Conti tra i ragazzi a Chissà chi lo sa?
La scenografia del programma era semplicissima, su tutto campeggiava un grande punto interrogativo. La sigla cominciava così: “Ma chissà chi lo sa dove è nato Ali Babà, ma chissà chi lo sa dove vive Mustafà”. Non sono versi da ricordare, ma danno l’idea dello spirito del tempo. I presentatori avevano tutti un’espressione che li caratterizzava, Cari amici vicini e lontani…, Allegria! Quella di Febo Conti, pensate un po’, era Squillino le trombe, entrino le squadre, una cosa a metà tra il libro Cuore e una rappresentazione di pupi siciliani.
Febo Conti vestiva sempre in grigio, non urlava, salutava i ragazzi stringendo loro la mano.
Anche oggi abbiamo un Conti presentatore (Carlo). Ma la sua televisione è a colori, lui è sempre abbronzato e occupa la schermo tutte le sere. L’altro Conti, quello vero (Febo, che nome!), si aggirava pallido per lo studio disadorno. E solo il sabato pomeriggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  • 0
  • 68
  • 37
  • 56
  • 589
  • 3.251
  • 328
  • 48

Commenti recenti