La vita dei bicchieri e delle stelle in finale a Pontedilegno Poesia

La vita dei bicchieri e delle stelle è tra le opere finaliste del premio Pontedilegno Poesia 2014.

Il 22 agosto all’Auditorium comunale presenterò il mio libro, in un incontro con il pubblico, insieme a Marco Marangoni (Congiunzione amorosa, Moretti & Vitali) e copertina La vita dei bicchieriAlessandro Quattrone (Prove di lontananza, Book). Il giorno successivo sarà la volta degli altri tre finalisti: Mario Rondi (Cabaret, Genesi), Mario Santagostini (Felicità senza soggetto, Mondadori) e Fabio Scotto (La Grecia è morta, Passigli). la premiazione avrà luogo nella mattinata di domenica 24.

La Giuria del premio, presieduta quest’anno da Marisa Brecciaroli, è composta da Maria Luisa Ardizzone, Vincenzo Guarracino, Giuseppe Langella e Giancarlo Pontiggia.

Le ultime edizioni di Pontedilegno Poesia sono state vinte da Franco Loi, Milo De Angelis, Franca Grisoni e Maurizio Cucchi.

 

 

Maratona poetica a Volterra

Sabato 26 luglio partecipo alla maratona poetica per Volterra La ferita / Il volo.

La maratona nasce da un’idea di Alessandro Agostinelli e di Roberto Veracini.

La lettura si articolerà in due fasi:

Piazzetta dei Fornelli e area circostante – dalle ore 17.00
Porta all’Arco – dalle ore 22.30

 

Un appello, lanciato da molti intellettuali per Volterra, dopo il crollo di alcune parti delle mura medievali, ha chiamato a raccolta poeti, scrittori, letterati, per stringere una cordata di corpi e di parole intorno ai luoghi della terra franata. Ancora una volta per ripartire da lì, da quella ferita della terra, per tornare a vedere meglio il mondo, per fermarsi ad ascoltare, per guardare la ferita più profonda che ci portiamo dentro. E da quella ferita, attraverso i versi, come in volo, darsi la spinta e ripartire. Sul luogo della ferita, ai poeti verranno consegnati dall’artista Michele Munno, dei proiettili in gesso del diametro di 7 cm che essi lanceranno nel dirupo provocato dal crollo delle mura medioevali: nel lancio il proiettile si spaccherà in due parti rivelando la figura dello straordinario artista irregolare Skillinger che salta, ovvero tutto il suo contenuto di instabilità della coscienza e di vitalità del ricordo, infettando di imperfezione poetica i ridicoli atletismi della subcultura dominante.

Hanno fino a ora aderito all’appello: Giacomo Trinci, Lidia Riviello, Loretto Rafanelli, Fabrizio Parrini, Alessandro Agostinelli, Giuseppe Grattacaso, Roberto Veracini, Angelo Tonelli, Luciano Jude Mezzetta, Francesco Macciò, Lorenzo Greco, Enzo Santese, Paolo Fidanzi, Massimo Daviddi, Luciano Valentini, Bernard Vanel, Marco Ferrucci, Valerio Vallini, Francesco Macciò, Paolo Maccari, Lisa Fedeli, Daniele Bollea, Alessandro Togoli, Fabrizio Dall’Aglio, Marina Moretti, Stefano Vincieri, Cristina Alziati, Luigi Camarilla, Piero Nissim, Lorella Nardi, Carlo Delli, Donatella Bisutti, Massimo Scrignòli

Hanno inoltre aderito ma non possono essere presenti Giuliano Scabia, Giuseppe Conte, Mariella Bettarini, Gabriella Maleti, Sauro Albisani, Alberto Bertoni, Claudio Damiani, Alessandro Scarpellini, Riccardo Benucci, Divo Falossi, Francesco Margani, Marco Cipollini, Salvatore Smedile, Giovanni Fierro, Nina Nasilli